Profondità perdute

Cosa cerco davvero non lo so.
Mi sono persa, di nuovo, in uno squilibrio affascinante, in cui sento che troverò parte di me, forse quella parte che ho perso.
Quest'uomo in fondo esprime un pò anche della mia incapacità di stare, di vivere al fianco di qualcuno senza desiderare di fuggire, di allontanarmi appena sale la tensione o qualcosa non va come volevo. In fondo, mi dico, da sola, in questo pomeriggio romano bellissimo e freddo, in cui dovrei essere altrove a fare altro, in fondo anche io sono così. In fondo anche io ho tradito, sono stata tradita, ho desiderato fuggire e l'ho fatto, ho maltrattato e non ho visto chi c'era di fronte e a me.
Il mio malessere interno deve essere prepotente, in questo momento, se ho bisogno di provare tutto questo panico. Come se avesse una funzione catartica, mi risollevasse in qualche modo dalla indicibile e insopportabile tensione che sento dentro.
Fosse per me sarei già da lui, ma anche molto lontano da lui.
Perchè ho paura di perdere. Umanamente ho un terrore atavico e profondo di perdere, di essere lasciata, di non essere più voluta. E lui non c'entra se non come elemento scatenante. Non lo giustifico ma capisco. Umanamente comprendo il senso di questo desiderio irrefrenabile di altro. Un sentimento che accompagna l'insoddisfazione di una vita in cui sono più i "devo" che i "voglio", sono più le rinunce che le aspettative che si realizzano.
Si, c'è qualcosa di degenerante e degenerato in questo sentire così particolare. Ma credo che abbia a che vedere con i sogni traditi e le aspettative sbagliate. Forse è il senso della mia vita che deve cambiare. Forse è il modo di affrontare la vita che deve modificarsi.
Leggerezza, mi dico, introduci leggerezza nelle tue giornate. Vivi il presente, lascia stare il passato, chè non è più e non puoi cambiare. E non pensare con angoscia al futuro, cè non è e non puoi gestire o controllare da sola.
Stare con significa anche rischiare di rimanere senza, e forse anche riuscire a stare con accettandone limiti e difetti. Finchè ciò è possibile, ovviamente, finchè riusciamo a tollerare…..

Profondità perduteultima modifica: 2006-01-13T15:04:05+00:00da mafaldach

Lascia un Commento